Chiara Bordi, la primera Miss italiana con una pierna biónica

Chiara Bordi, la primera Miss italiana con una pierna biónica

La joven modelo sufrió un grave accidente que cambió su vida por completo.

Vida 19 Septiembre 2018 19:00

Chiara Bordi es una joven italiana de 18 años que aunque no pudo alzarse con el título de Miss Italia puede afirmar que resultó la verdadera ganadora del certamen. Y es que a partir de ese momento ha callado bocas de aquellos que durante muchos años la han criticado, ya que es la primera mujer en la historia del concurso en participar con una prótesis en la pierna. "Es una victoria estar aquí vaya como vaya", dijo momentos antes de la final. 

Su sueño era ser modelo y lo ha conseguido "Su sueño era ser modelo y lo ha conseguido"

Bordi quedó tercera en el concurso de belleza anual, sin embargo considera que haber llegado hasta esa instancia va a marcar un antes y un después. "Estoy muy feliz de haber llegado hasta aquí y que el mensaje haya llegado a mucha gente", comentaba. Asimismo, se sentía afortunada por lo que está viviendo y es que su objetivo es derribar las barreras del mundo de la belleza y de los cánones, que está repleto de estereotipos y prejuicios. 

"Modelo biónica, amante de la vida"

En 2013, la joven italiana sufrió un accidente mientras iba en moto y un coche que circulaba en dirección contraria arrolló el vehículo en el que viajaba como copiloto. "He maldecido el destino. Aquella noche, en aquel momento, quise poder volver atrás y salir aunque fuera un segundo más tarde. He visto mi cuerpo casi destruido. Prefería mirar hacia cualquiera sitio antes de mirarme las piernas", explicó en una entrevista a la edición italiana del Huffington Post. 

Ver esta publicación en Instagram

Ho odiato la vita,ho maledetto il destino,quella sera,quel momento,ho sperato di tornare indietro o partire anche solo un secondo dopo,ho chiesto a Dio o chissà cos'altro perché fosse successo proprio a me,mi sono fatta centinaia di domande riguardo al futuro,ho visto il mio corpo quasi distrutto e preferivo voltare lo sguardo altrove piuttosto che guardarmi le gambe.Ho dovuto guardare sfumarsi nella mia testa i sogni e le certezze che avevo,ho visto persone soffrire per me e ho sofferto per loro,ho provato sensi di colpa e quasi il desiderio di morire...poi ho desiderato con tutta me stessa di tornare ad una vita normale,sono rinata ed insieme a me sono rinati tutti i sogni,le aspettative e la voglia di vivere,ho rivisto le mie gambe camminare,stavolta con una protesi ma a mio parere molto più belle di prima,ho visto le cicatrici chiudersi e il mio corpo si è arricchito di segni,pieni di ricordi e di orgoglio.Mi sono riempita di forza e ho affrontato la vita col mio nuovo corpo,e soprattutto con la mia nuova testa.Ho fatto scalate,ho preso il brevetto da sub,ho provato sport che prima neanche immaginavo,sfilo e faccio servizi fotografici in tutta Italia e a Londra,racconto la mia storia nelle scuole con SuperAbile,e vedo ogni volta centinaia di faccette incuriosite e interessate a quello che dico.Ma la cosa che mi rende più orgogliosa di me stessa è guardare come sono arrivata in quell'ospedale la notte del 5/07/2013,e confrontarla con la me del 5/07/2018,di nuovo in piedi e che guardo queste foto ora che quel tunnel che mi sembrava così infinito è ormai un capitolo chiuso nel migliore dei modi.Non nascondo che c'è un velo di tristezza in questo giorno,perché ricorda tante cose e i ricordi a volte sono così forti che sembra di rivivere certi momenti,ma è il giorno della mia rinascita, dell'inizio di una seconda vita.Ora,a distanza di 5 anni,mi rendo conto che quel giorno mi ha aperto migliaia di strade,una più bella dell'altra.Certo ci sono difficoltà che altri non hanno,che a volte mi fanno salire il sangue al cervello.Ci vuole una buona dose di forza di volontà per affrontare la vita di tutti i giorni,ma,in fin dei conti,a me le sfide sono sempre piaciute.????

Una publicación compartida de Chiara Bordi (@chiarabordi_) el

Los hechos tuvieron lugar cuando tenía tan solo 13 años y le hizo pasar nueve meses en el hospital. Sin embargo, con la ayuda y el apoyo de su familia, sobre todo de su hermana consiguió cambiar la forma negativa que tenía de ver la vida y con 15 años comenzó su carrera como modelo. Además, dedica parte de su tiempo a deportes como el atletismo. 

En sus redes sociales aparte de fotografías también cuelga algunos textos con sus preocupaciones, sueños o metas. Según confiesa en una de ellas: "luché por llegar hasta aquí, luché contra los prejuicios, contra los límites, contra las miradas e incluso contra mí misma, y no sabía qué pasaría"

Ver esta publicación en Instagram

Il mio percorso a @missitalia si conclude con un bellissimo terzo posto ed io non potrei essere più felice di così! Dire che è stata un'esperienza fantastica penso sia scontato, non mi aspettavo tutta questa soddisfazione che, dopo tutto lo sforzo, la fatica, la stanchezza credo sia anche normale ???? dietro alla diretta di ieri c'è tanto tantissimo lavoro e tante persone e io mi sento di ringraziare ognuna di loro. Hostess, fotografi, organizzatori, truccatori, parrucchieri, sarti, coreografi, (e chi più ne ha più ne metta) tutti che ci mettono il proprio e tutti che subiscono lo stress che spesso questo ambiente può portare ma che, alla fine, da tante soddisfazioni. E poi non posso non ringraziare le altre 32 finaliste, ho avuto modo di conoscere caratteri, personalità, storie diverse che provengono da tutte le parti d'Italia e mi sono affezionata ad ognuno di loro in un modo unico. Nonostante tutto c'è sempre stato un clima gioioso e, alla fine, posso dire di essermi trovata veramente come in una seconda famiglia. Che dire, ho aspettato tantissimo il momento di tornare a casa e, ora che si avvicina, ora che è il momento dei saluti mi cresce un nodo in gola e sì, mi mancherà tutto questo. Di me posso dire che mi sento cambiata, mi sento più forte, più sicura. Ho sempre detto che "speravo" che il mio messaggio arrivasse a quante più persone possibili, oggi, il giorno dopo la finale, mi sento veramente bene con me stessa perché io ci ho messo veramente tutto, e tutto questo è ripagato da tutti i messaggi che mi sono arrivati, da tutto il sostegno (e vi faccio un ringraziamento enorme perché mi avete dato sempre un motivo in più per non buttarmi giù), da tutte le persone che mi hanno salutato dicendomi "ti porterò sempre nel cuore". Non c'è cosa che mi rende più felice, non c'è vittoria più bella! GRAZIE per avermi fatto vivere tutto questo, sarà sempre uno dei ricordi più belli da portare con me. #missitaliafaladifferenza #MissItalia2018 #terzaclassificata #ilimitisonosolomentali #grazie

Una publicación compartida de Chiara Bordi (@chiarabordi_) el

La experiencia del concurso ha sido una de las más positivas para Bordi: "Puedo decir que me siento cambiada, me siento más fuerte, más segura. Siempre he dicho que me gustaría que mi mensaje llegara a tantas personas como fuera posible. Hoy, el día después de la final, me siento muy bien conmigo misma porque realmente lo he puesto todo y lo he visto recompensado con todos los mensajes de apoyo que me han llegado. No hay nada que me haga más feliz, ¡no hay más victoria hermosa!", dijo. 

Comentarios